EnglishItalianFrenchGermanSpanish

I documenti necessari per sposarsi

Che tu abbia scelto il matrimonio civile e/o religioso (ossia concordatario, che viene fatto in Chiesa con la lettura degli articoli legislativi d’obbligo), c’è una serie di documentazione da preparare e piccole incombenze da eseguire.
E’ bene iniziare a pensarci almeno 6 mesi prima del matrimonio, per evitare e risolvere ogni imprevisto dovesse presentarsi.

MATRIMONIO CATTOLICO:

Innanzitutto conviene ricordare che, per sposarsi in Chiesa, occorre partecipare al corso prematrimoniale e che ogni Parrocchia lo organizza in modo diverso ed è necessario quindi andare ad informarsi, tenendo presente che si può fare anche in una Parrocchia diversa da quella in cui poi ci si sposerà.
Il matrimonio cattolico prevede sostanzialmente 2 diversi documenti da predisporre, quelli inerenti al giuramento di matrimonio e quelli riguardanti le pubblicazioni.

Il giuramento: Consiste nel recarsi davanti al parroco, che valuterà con una serie di domande, la condivisione dei valori cristiani del matrimonio. Gli sposi non verranno chiamati insieme, bensì in 2 momenti diversi, in modo che il parroco possa sincerarsi della consapevolezza religiosa di ognuno.

Promessa di matrimonio: Il parroco darà un altro appuntamento agli sposi, stavolta insieme, i quali devono presentare i documenti obbligatori. Questi sono: il Certificato di battesimo, preparato ad uso matrimonio, da richiedere nella Parrocchia dove si è stati battezzati, il Certificato di Cresima, che verrà emesso dalla Parrocchia in cui si è stati cresimati (a meno che il Certificato di battesimo non contenga anche i dati della Cresima) e infine il Certificato contestuale ad uso matrimonio da richiedere in circoscrizione.

Queste pratiche vanno eseguite almeno 90 giorni prima del matrimonio.
Insieme al Parroco sarà possibile finalmente fissare la data della celebrazione.

MATRIMONIO CIVILE:

La coppia, o solamente uno dei due fidanzati, si recherà nel Comune di residenza, all’incirca 2 mesi prima del matrimonio, e nell’Ufficio Stato Civile firmerà un documento in cui sono presenti i dati personali degli sposi e che contiene la richiesta per l’appuntamento per la promessa di matrimonio.

L’ufficio penserà a richiedere altra documentazione da presentare e fisserà l’incontro per il giuramento.
Al Consenso, oltre agli sposi, devono presentarsi anche un genitore e un testimone, con relativi documenti di identità in corso di validità. Se non c’è il genitore, bisogna presentare il documento integrale dell’atto di nascita, che viene rilasciato dal Comune di residenza. Naturalmente i testimoni potranno essere gli stessi scelti per la celebrazione.

Con questa documentazione, da ambo le parti, religiosa e civile, verranno fatte le pubblicazioni.
Saranno esposte per 8 giorni consecutivi alla porta dei Comuni di Residenza di entrambi i fidanzati. Questo serve per dare la possibilità di fare opposizione da parte di chi pensa di averne le valide motivazioni.

Terminati i giorni utili della pubblicazione, dopo altri 4 giorni la coppia otterrà il “nulla osta” al matrimonio, che però dovrà essere celebrato entro 180 giorni, altrimenti decaderà la validità dei certificati prodotti.

E’ importante quindi organizzarsi per tempo e predisporre quanto necessario, per fare le cose con la giusta calma.